INFORMATIVA COOKIE: per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo cookies anche di terze parti, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Il software “Blistbuster”

Il software “Blistbuster” è un esclusivo algoritmo di calcolo incorporato nei sensori biassiali, che si è rivelato molto utile per determinare l’uniformità di diametro di un prodotto continuo (in particolare filo smaltato) e per ricercare una particolare tipologia di difetti ricorrenti comunemente noti come “blisters”.

blister 01

Che cos’ è un Blister ?

In alcuni processi produttivi, per esempio nella smaltatura del filo di rame, non è raro l’insorgere, in certe condizioni, di un particolare tipo di difetti superficiali che si traducono in variazioni di diametro molto piccole e localizzate, come ad esempio piccole bolle, e che hanno la caratteristica di persistere per una certa lunghezza di prodotto, fino a che non viene rimossa la causa che li ha determinati. La misurazione del semplice diametro medio o del diametro minimo e massimo non è normalmente sufficiente a rilevare e caratterizzare questa tipologia di difetto.

Come si possono rilevare i Blisters ?

La funzione “Blistbuster” è stata progettata per rilevare e caratterizzare con indici numerici una tale tipologia di difetti. Infatti, date la velocità del prodotto, la piccola dimensione del difetto, la frequenza di scansione del calibro e la possibile localizzazione del difetto lungo tutta la circonferenza del filo, non è assolutamente possibile garantire la “visibilità” e la scoperta di ogni singolo difetto.

Tuttavia, memorizzando un certo numero di misurazioni singole (a single-scan) per un tempo sufficientemente lungo ed analizzandole in modo statistico, è possibile capire che un certo numero di misure è stato effettuato proprio in corrispondenza di piccoli difetti localizzati, poiché i valori di tali misure si discostano dal valore medio del filo di un’entità che eccede il limite di ripetibilità proprio dello strumento e dunque sono da imputare ad una reale “non uniformità” del prodotto stesso. A titolo di esempio la figura mostra la distribuzione delle misurazioni effettuate su di un filo in movimento sul quale vi sono dei difetti localizzati e ripetitivi: oltre alla distribuzione gaussiana tipica dello strumento si nota una distribuzione “spuria” dovuta ai difetti misurati.

blister 02

Che cosa misura ?

Il software “Blistbuster” esamina K x N scansioni (o misure singole, coppie X & Y) e calcola 3 nuovi indici:

  • PDF = Percentuale di misure effettuate “su difetti”, rispetto al totale K x N
  • ADF = Altezza media dei difetti rilevati, come Variazione di Diametro, espressa sempre in MICRON interi, indipendentemente dalla risoluzione e dall’unità di misura selezionata.
  • IDF = Indice difetti, dato dal prodotto 20 x ADF x IDF / DFSCAL

Quali sono i parametri da regolare?

Oltre che il tempo totale di campionamento, determinato dai fattori N e K, si possono regolare:

  • il parametro DFSCAL, ovvero la sensibilità del sistema, per ridurre l’escursione dell’indice IDF dividendolo per 1 o 10 o 100.
  • Il parametro DFSENS, ovvero la soglia di visibilità dei difetti, da programmare ad un valore maggiore della ripetibilità di misura a colpo singolo del sensore utilizzato. Questo fattore, come è espresso come Variazione di Diametro, sempre in Millimetri, qualsiasi sia la risoluzione e l’unità di misura selezionata.

Osservazioni importanti

Si noti che:

  • La funzione Blistbuster è attivata solo quando il prodotto K x N supera il limite di 200, in modo da avere un numero di misurazioni statisticamente significativo
  • Si raccomanda di utilizzare sensori ad alta frequenza, per migliorare la ripetibilità di misura.
  • La funzione Blistbuster si basa su considerazioni statistiche e dunque presuppone di esaminare un tratto di filo contenente un numero significativo di difetti.
  • Non è assolutamente possibile rilevare ogni singolo difetto o determinarne le sue dimensioni reali.
  • Data l’impossibilità di conoscere la vera geometria dei difetti, gli indici calcolati non sono direttamente riconducibili alla reale dimensione e quantità dei difetti, ma rappresentano dei parametri numerici qualitativi e di confronto che comunque possono fornire un utilissimo aiuto al controllo produttivo on-line.

Logo UeLogo MinisteroFriuli venezia GiluliaFonfo SviluppoProgetto cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale del Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione" programmazione 2007/2013